Il bullismo all’interno della nostra società

Il bullismo all’interno della nostra società

Alcuni dividono le statistiche del bullismo per reddito, istruzione e occupazione (che sono tutti anche correlata con la salute). Un gruppo di ricercatori ha trovato una minore incidenza di bullismo non attraverso i ceti, ma attraverso la vita familiare, indipendentemente dal reddito, istruzione e occupazione.  Tra le cause familiari più incisive spiccano la violenza, la depressione, l’ansia, in persone che vivevano all’interno di società a rischio ma non secondo il ceto sociale, ma in base a rischi familiari. E nel 2014 un team internazionale ha proposto un questionario e i risultati sono stati confermati dagli studi. Coloro che vivono in società povere non hanno dimostrato casi di bullismo maggiori di chi vive in società ricche. E ‘difficile dire da questi tipi di studi perché le persone si sentono più propense a prevaricare gli altri. Determinati sono le dinamiche che si innescano negli stili familiari o societari.  È dimostrato che la gente dei  quartieri utilizza dinamiche diverse ma che non sono direttamente connesse con il fenomeno del bullismo. Ma un grande studio che ha trovato meno fenomeni di bullismo nelle persone che hanno vissuto una vita familiare con educazione tipo autorevole ha evidenziato meno casi di bullismo. I nostri propri studi più altri mostrano questi effetti dell’educazione che avviene in famiglia. Inoltre, le persone a reddito più bassi non sembravano ottenere il massimo dell’educazione autoritaria, mentre quelle più ricche utilizzano spesso educazione permissiva. Un ricercatore sottolinea i suoi soggetti con un test psicologico e di un colloquio di lavoro simulato. La loro frequenza del bullismo si è dimostrata da subito con un ritmo normale. Quello che lui e altri ricercatori interessati al bullismo hanno sospettato è che la vita familiare migliora principalmente con la riduzione dello stress. Rispetto alle persone che hanno una vita familiare più stressante che risultano maggiormente a rischio del fenomeno.

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *